PSICODINAMICA DELLE RELAZIONI FAMILIARI

Docenti: 
FORTUGNO ANGELA
Crediti: 
9
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2020/2021
Responsabile della didattica: 
FORTUGNO ANGELA
Settore scientifico disciplinare: 
PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
Semestre dell'insegnamento: 
Annuale
Lingua di insegnamento: 

ITALIANO

Obiettivi formativi

Al termine del corso gli studenti devono manifestare:
• la conoscenza delle dinamiche relazionali presenti nel ciclo vitale della famiglia con particolare riferimento alle dinamiche delle nuove forme familiari nel contesto attuale e dei quadri teorici su cui si fondano;
• la capacità di applicare le loro conoscenze alla professione di Assistente Sociale, nella presa in carico e nella gestione della relazione di aiuto con famiglie in difficoltà che si rivolgono spontaneamente o che sono inviate al Servizio.
• la capacità di raccogliere informazioni sulle dinamiche familiari, comprenderle riflettendo con attenzione, in modo da sviluppare valutazioni sui casi in autonomia, tenendo conto anche della dimensione etica
• la capacità di comunicare queste informazioni, sia nella relazione con gli utenti che nell'ambito delle équipe multidisciplinari;
• lo sviluppo di capacità di apprendimento necessarie sia per operare con un corpo sistematico di conoscenze teoriche, di una base metodologica e l’uso di strumenti professionali specifici, sia per intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia.

Contenuti dell'insegnamento

Il corso affronterà il tema della famiglia e delle sue evoluzioni nella società odierna. Approfondirà le dinamiche familiari che ne caratterizzano il ciclo di vita, con particolare riferimento a specifiche aree quali: la separazione e il divorzio; le famiglie ricomposte, le famiglie migranti, la tossicodipendenza, la famiglia e la disabilità psichica e fisica; la famiglia multiproblematica e la trasmissione intergenerazionale; la teoria dell'attaccamento e il maltrattamento all’infanzia.

Bibliografia

BIBLIOGRAFIA DI BASE

• L. Fruggeri, Diverse Normalità, Carocci, 2009, Roma. Dal capitolo 1 al capitolo 3
• L. Fruggeri, Famiglie, Carocci, 1997, Roma. Dal capitolo 3 al capitolo 7
• M. Malagoli Togliatti, A. Lubrano Lavadera, Dinamiche relazionali e ciclo di vita della famiglia, Il Mulino, 2002, Bologna
• C. Van Cutsem Le famiglie ricomposte, Raffaello Cortina editore, 1998

APPROFONDIMENTI (di cui un testo a scelta completo OBBLIGATORIO)

• Maria Grazia Attili, Attaccamento e amore, Il Mulino, Bologna, 2004
• S. Cirillo, R. Berrini, G. Cambiaso, R. Mazza, La famiglia del tossicodipendente. Tra terapia e ricerca. Raffaello Cortina, 2017, Milano
• S. Cirillo, Cattivi genitori, Raffaello Cortina, 2005, Milano
• T. Bertotti, Bambini e famiglie in difficoltà, Carocci, 2012 Roma.
• L. Volpini , Valutare le competenze genitoriali, Carocci Faber, 2011, Roma
• L. Carli, Dalla diade alla famiglia. I legami di attaccamento nella rete familiare. Raffaele Cortina, 1999, Milano (DAL CAPITOLO 1 AL CAPITOLO 6)
• R. Luberti, C. Grappolini, Violenza assistita, separazioni traumatiche, maltrattamenti multipli, Erikson, 2017, Trento (DAL CAPITOLO 1 AL CAPITOLO 8)

Metodi didattici

LEZIONE FRONTALE MISTA (in presenza/a distanza in modalità sincrona via Teams)
Durante le lezioni verranno discusse le problematiche generali connesse ai temi della psicopatologia delle relazioni familiari. Il corso sarà affiancato da lavori in gruppo, simulate, roleplaying, brainstorming, genogramma familiare, osservazione della psicologia relazionale nel linguaggio filmico.
In apertura dell'insegnamento, il docente curerà la verifica delle conoscenze pregresse connesse alla disciplina, accompagnando gli studenti, all'acquisizione di quel sapere di base utile al fine dell'affrontamento della disciplina medesima.

Modalità verifica apprendimento

ESAME ORALE

La valutazione finale verrà effettuata in forma orale al fine di verificare:
- la conoscenza maturata dallo studente sugli argomenti trattati nel corso
- la capacità di effettuare opportuni collegamenti tra gli argomenti trattati nel corso e tra questi e altre discipline
- la capacità di individuare gli elementi rilevanti sui quali basare giudizi professionali sulle tematiche e i problemi affrontati e discussi lezione e a tirocinio
- la capacità di applicare le conoscenze apprese alla pratica professionale svolta nel tirocinio

La valutazione è considerata sufficiente qualora lo studente dimostri una piena conoscenza dei concetti di base e delle tematiche affrontate a lezione, nonché una sufficiente capacità di effettuare collegamenti e di riflettere su quanto appreso.

Altre informazioni

ORARIO DI RICEVIMENTO

Previo contatto via mail con il docente per fissare l'appuntamento