ANALISI DELLE ISTITUZIONI POLITICHE

Docenti: 
Crediti: 
9
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2020/2021
Responsabile della didattica: 
Settore scientifico disciplinare: 
FILOSOFIA POLITICA (SPS/01)
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano.

Obiettivi formativi

L’insegnamento si propone di far conseguire agli studenti, attraverso la
partecipazione alle lezioni e lo studio dei testi indicati, i seguenti obiettivi:

1. Conoscenza e comprensione dei concetti essenziali della teoria della democrazia, dell'approccio delle capacità e dell'etica della cura;

2. Capacità di applicare le conoscenze
acquisite ad alcuni problemi di particolare attualità e rilevanza per le democrazie contemporanee, soprattutto con riferimento al rapporto tra istituzioni e persone;

3. Capacità di comprendere e utilizzare consapevolmente e correttamente il lessico specifico della disciplina;

4. Capacità di esporre con chiarezza e coerenza gli argomenti studiati;

5. Capacità di costruirsi un metodo di studio autonomo.

Contenuti dell'insegnamento

L'insegnamento verte su due nuclei tematici principali, attinenti in particolare al rapporto tra istituzioni politiche e persone:
1. L'analisi critica di alcuni temi-chiave della democrazia contemporanea (tra gli altri: ambiente, bene comune, cittadinanza, comunità, diritti, globalizzazione, pluralismo, tolleranza);
2. Una riflessione specifica su come la consapevolezza della vulnerabilità umana (in particolare con riferimento alla condizione delle persone con disabilità) sfida l'assetto tradizionale del pensiero politico occidentale moderno, e le idee di giustizia, uguaglianza, autonomia, indipendenza e dignità ad esso connesse.

Bibliografia

Ai fini dell'esame ogni studente dovrà prepararsi su tre testi:
1.
M. Zanichelli (a cura di), Il diritto visto da fuori, FrancoAngeli, Milano 2020.
2.
R. Gatti, L. Alici, I. Vellani (a cura di), Vademecum della democrazia. Un dizionario per tutti, Editrice AVE, Roma 2013, solo le voci Ambiente, Bene comune, Bioetica, Città, Cittadinanza, Comunità, Diritti e doveri, Dono, Educazione civica, Europeismo/Europa, Famiglia e mezzi di comunicazione, Globalizzazione, Lavoro, Pluralismo, Relazione, Responsabilità politica, Tolleranza.
3.
M. Zanichelli, Persone prima che disabili. Una riflessione sull'handicap tra giustizia ed etica, Queriniana, Brescia 2012, pp. 7-86.

Metodi didattici

Le lezioni frontali saranno costruite in modo da guidare gli studenti
- nella comprensione e nell’approfondimento degli argomenti trattati nei testi di riferimento;
- nello sviluppo di un metodo di studio autonomo;
- nell'acquisizione di capacità critiche rispetto ai temi studiati.

Modalità verifica apprendimento

L’esame è orale e consiste in tre o più domande direttamente attinenti ai temi trattati nelle lezioni e nei tre testi indicati, domande volte ad accertare il grado di conoscenza, comprensione e rielaborazione critica personale degli argomenti studiati.
Indicatori per la valutazione (in trentesimi):
- ampiezza e solidità delle conoscenze acquisite;
- livello di comprensione degli argomenti studiati;
- capacità di esporre in modo ragionato, superando una ripetizione mnemonica;
- abilità espositiva e accuratezza espressiva.